CAMPIONESSE D'ITALIA

May 17th, 2013

Il Rapallo Pallanuoto è Campione d’Italia. Nella finalissima giocata questo pomeriggio allo Stadio del Nuoto di Civitavecchia davanti a un folto pubblico, le ragazze allenate da Mario Sinatra hanno battuto per 11 a 7 l’Orizzonte Catania portando per la prima volta nella storia lo scudetto assoluto nella città ruentina. È il coronamento di una stagione che ha visto le gialloblu sempre ai vertici della classifica nella regular season di A1 femminile grazie al rendimento costante frutto dell’impegno delle atlete, della società e del lavoro del tecnico Mario Sinatra.

Una squadra che ha fatto del gruppo il suo punto di forza principale, e lo ha dimostrato già dalle prime battute della finalissima. Le gialloblu sono entrate in acqua con il giusto piglio: tanto che, al termine del primo parziale di gioco, conducevano già per 5-1, mettendo così in cassaforte un vantaggio che si è rivelato fondamentale per la vittoria finale. Grande prestazione di Giulia Rambaldi, che dopo 20 secondi ha infilato nel sette il primo dei quattro gol che ha messo a segno nel corso del match.

Catania cerca di reagire e lo fa con Perreault, che all’inizio del secondo tempo trascina le compagne e va a bersaglio. Kisteleki, però, ristabilisce le distanze per il Rapallo segnando su rigore. Ad accorciare per le catanesi è poi Musumeci, ma il tentativo di rimonta si infrange sui due legni colpiti da Arianna Garibotti. La seconda frazione di gioco termina quindi sul risultato di 6-3 per le rapallesi.

Rambaldi riapre le danze nella terza frazione di gioco segnando il settimo gol per il Rapallo ma è ancora Perreault a mantenere invariato il distacco: sua è la quarta rete per il Catania. Dinamica che si ripete poco dopo: gol di Sonia Criscuolo dalla distanza (con un bel tiro a rimbalzo) e sul versante opposto altra rete della canadese del Catania. A scavare il solco decisivo sono Giulia Rambaldi e Aleksandra Cotti, che con il Rapallo in superiorità numerica supera Ricciardi e insacca il gol del 10 a 5.

Alle gialloblu non resta che amministrare il vantaggio negli ultimi otto minuti di gioco, che valgono la conquista del tricolore. Lo sa bene Solveig Stasi, tra le migliori in campo, che con grande reattività si frappone al tiro da distanza ravvicinata di Rosaria Aiello negandole il gol. Segna invece dai cinque metri il capitano del Catania Tania Di Mario, poco dopo è ancora Garibotti ad accorciare per la squadra etnea. Ma il tempo scorre via rapidamente, e per tentare la rimonta è ormai tardi: la giovane Marletta sbaglia un rigore e il gol di Sonia Criscuolo mette l’ipoteca sulla vittoria del Rapallo. Sul finale, Sinatra rivoluziona la squadra e manda in campo tutte le giovani, per rendere partecipe tutto il gruppo della conquista dello scudetto. Suona la sirena: il Rapallo Pallanuoto è campione d’Italia.

“Sapevamo di poter vincere lo scudetto con questa squadra: siamo arrivate prime in campionato e abbiamo vinto la Final Four, e credo che sia una vittoria meritata – è il commento di Sinatra – E’ il mio primo scudetto a livello assoluto, ma così “a caldo” non riesco ancora ad esprimere le emozioni: devo ancora metabolizzare il tutto. Posso solo dire che siamo contentissimi”.

Emozionato ed entusiasta anche Alessandro Martini, direttore sportivo della Rapallo Pallanuoto: “I miei complimenti vanno a tutte le ragazze, che l’anno scorso hanno deciso di aderire a questo progetto; al presidente della Rapallo Pallanuoto Enrico Antonucci, che oggi era negli Stati Uniti per impegni di lavoro ma che si è mantenuto in collegamento costante con me durante la partita per essere aggiornato sul risultato e a sua volta si congratula con la squadra; a mister Sinatra e ai suoi collaboratori. E poi ringrazio tutto lo staff della Rapallo Nuoto e della Rapallo Pallanuoto, il Comune di Rapallo e tutti gli amici che ci hanno sostenuto.

Riguardo la partita, il match è stato completamente diverso rispetto alla semifinale di ieri. Faccio i complimenti in particolare al portiere Stasi, che ha parato tutto il possibile aiutata dal resto della squadra, protagonista di un’ottima prestazione soprattutto in difesa. E poi alle giovani, che non si sono lasciate intimorire pur giocando contro una squadra fortissima. Quando ho capito che avremmo potuto vincere? Quando Rambaldi, al primo tiro, ha “rovesciato” la porta. Da lì ho intuito come sarebbe andata a finire. Oggi volevamo portare a Rapallo il suo primo scudetto assoluto, e lo abbiamo fatto. L’anno scorso, qualche addetto ai lavori sosteneva che avessimo vinto il tricolore (con la denominazione Pro Recco) per via di un maggiore potere economico. Oggi abbiamo dimostrato che non è così. È un risultato stupendo, e forti di questa vittoria siamo già al lavoro per il futuro”.

“Pur avendo seguito la partita nella diretta televisiva, è stata lo stesso un’emozione fin dall’inizio del match – aggiunge il team manager Simone Zanforlini – Oggi si è visto il vero Rapallo. Il nostro primo scudetto a livello assoluto. Non si può essere che soddisfatti. Un grazie particolare al presidente Antonucci e al direttore sportivo Martini, che hanno saputo e voluto fortemente portare avanti questo progetto. Grazie al tecnico Mario Sinatra e ai suoi collaboratori Claudio Patrone e Valeria Palombo. Grazie a tutte le ragazze che hanno sposato con entusiasmo questo progetto e con entusiasmo hanno affrontato questo impegnativo campionato. Sono state fantastiche e delle vere atlete. Grazie di cuore a tutti”.


Semifinali – Venerdì 17 Maggio

Rapallo-Ngm Firenze 17,00
diretta Rai Sport 2

I PRECEDENTI STAGIONALI

Firenze-Rapallo 6-7 Regular season
Rapallo-Firenze 9-7 Regular season


Sono partite ieri mattina alla volta di Civitavecchia le ragazze del Rapallo Pallanuoto, approdate alla Final Four del campionato di A1 femminile.

Oggi pomeriggio, venerdì 17 maggio (ore 17, Stadio del Nuoto, in diretta su Rai Sport 2) le gialloblu affronteranno la NGM Firenze nella prima delle due semifinali previste nella fase finale del campionato. L’imperativo è unico: vincere, per poter tornare in vasca il giorno successivo e giocare la finalissima che vedrà assegnare lo scudetto per la stagione 2012/2013 contro la vincente della seconda semifinale, quella tra Orizzonte Catania e Mediterranea Imperia.

L’umore nello spogliatoio rapallese è positivo, la carica è quella giusta per affrontare al meglio l’importante impegno.

“Eccoci alla tanto attesa Final Four – commenta il portiere del Rapallo Pallanuoto, Solveig Stasi – Per me è un sogno e, come mi hanno sempre insegnato, bisogna coltivarlo fino all’ultimo. Andremo a cercare di realizzarlo contro tre squadre molto preparate: Firenze, Catania e Imperia. Con loro il bilancio in campionato in questa stagione conta quattro vittorie, un pareggio e una sconfitta”.

Come a dire che la squadra c’è e ha i numeri per far bene, ma è indispensabile mantenere la concentrazione ai livelli massimi fino all’ultimo, perché in partita secca non sono ammesse distrazioni.

“Siamo molto positivi – conclude Stasi – se giochiamo come sappiamo non c’è storia: la semifinale e l’eventuale finale non possono essere che a nostro favore”.