Coppa Italia Final Four: Rapallo Pallanuoto Geymonat Orizzonte Catania 7-8


April 3rd, 2013

Nella finalissima di Coppa Italia-Final Four le gialloblu, sotto di cinque gol alla fine del secondo tempo, sono protagoniste di una grande rimonta, ma non sufficiente per agguantare sul finale le avversarie della Geymonat Orizzonte Catania, che vanno a conquistare il trofeo. Finisce dunque 8 a 7 per le catanesi il match giocato questo pomeriggio nel centro federale di Ostia.

Partita subito in salita per il Rapallo Pallanuoto. Complice una Tania Di Mario in grande forma a dettare i tempi di gioco, il Catania - ben bilanciato tra difesa e attacco - concede poco alle rapallesi che non riescono ad affondare i colpi, tra tiri poco incisivi e diversi episodi sfortunati: almeno otto i palloni che si sono infranti sul palo o la traversa della porta difesa da Ricciardi nelle prime due frazioni di gioco. Insacca solo Rambaldi, con una botta dalla distanza. Il secondo tempo si conclude con un netto 6-1 in favore della Geymonat Orizzonte Catania.

Mister Sinatra chiede a gran voce una reazione, che finalmente arriva. Nel terzo tempo, il Rapallo cambia volto e si lancia all'inseguimento delle avversarie trascinato da Aleksandra Cotti, che dà il via alla rimonta con due “rasoiate” a pelo d'acqua che battono il portiere del Catania. La frazione si conclude con le rapallesi che premono sull'acceleratore spingendosi a un solo gol di distacco dalle avversarie (7 a 6).

Il pareggio arriva all'inizio del quarto ed ultimo tempo con il gol di Elisa Queirolo, ma poco dopo Marletta riporta in vantaggio il Catania in superiorità numerica. Le speranze delle gialloblu si infrangono sul palo colpito da Sonia Criscuolo sul finale, a tu per tu con Ricciardi, su passaggio di Cotti. Il Catania festeggia, al Rapallo resta forse il rammarico per l'approccio non ottimale alla partita nelle prime due frazioni di gioco.

“Abbiamo iniziato a giocare troppo tardi – ha commentato il tecnico del Rapallo Pallanuoto Mario Sinatra al termine del match – Loro sono una squadra esperta e sono state brave, anche se non saprei dire di preciso se i primi due tempi si siano conclusi con il Catania in vantaggio di cinque reti per merito loro o per demerito nostro. Sicuramente ci abbiamo messo del nostro e abbiamo patito la stanchezza: non è una giustificazione, ma dopo una lunga pausa di campionato abbiamo giocato tre partite importanti nel giro di tre giorni, di cui una difficile contro l'Imperia, che ha comportato dispendio di energie. Nei primi due tempi abbiamo palleggiato male, poi abbiamo preso coraggio. Non è stato l'episodio finale a fare la differenza, loro sono partite meglio di noi e poi hanno saputo gestire la situazione. Onore e merito al Catania”.

La sconfitta in finale di Coppa Italia non compromette gli obiettivi stagionali: “Abbiamo comunque reagito bene e fatto vedere giocate positive dal terzo tempo in poi – conclude Sinatra – Ci siamo e ci giocheremo fino in fondo la Final Four per la conquista dello scudetto”.

Rapallo Pallanuoto: Stasi, Gragnolati 1, Zerbone, Kisteleki 1, Queirolo 1, Bertora, Bonino, Sonia Criscuolo, Claudia Criscuolo, Rambaldi Guidasci 1, Cotti 3, Frassinetti, Isola. All. Sinatra.

Geymonat Orizzonte Catania: Ricciardi, Alessandra Musumeci, Garibotti, Radicchi 1, Di Mario 3 (1 rig.), Aiello 1, Palmieri 1, Marletta 2, Lombardo, Maddalena Musumeci, Dursi, Perreault. All.Miceli.


Parziali 0-2, 1-4, 4-1, 2-1.


Close